CercaEsegui ricerca
Marketing
Terza rivoluzione tecnologica e Blockchain: stiamo per vivere una "trasformazione dolorosa"?

Terza rivoluzione tecnologica e Blockchain: stiamo per vivere una "trasformazione dolorosa"?

8 gennaio 2018
Terza rivoluzione tecnologica e Blockchain: stiamo per vivere una "trasformazione dolorosa"?

Jack Ma di Alibaba parla di una trasformazione dolorosa (paradossalmente in senso positivo) dal punto di vista sociale ormai alle porte; in questo articolo esaminiamo il tema blockchain, probabilmente l'innovazione più dirompente nella trasformazione digitale in corso.

Click here for the English version 

Partiamo dalla fine: a chi se la fosse persa consiglio questa intervista a Jack Ma, fondatore di Alibaba, che parla della terza rivoluzione tecnologica ora in corso. Jack Ma parla di una trasformazione sociale dolorosa per i prossimi anni, amo la definizione utilizzata perché ci costringe a riflettere.

Per i contenuti dell'intervista rimando al video stesso, quello che tratteremo qui è l'argomento blockchain, forse la tecnologia più dirompente oggi che svolgerà un ruolo decisivo nella rivoluzione in corso.

Disruptive descrive un processo in cui un'azienda più piccola e con poche risorse è in grado di sfidare con successo le realtà più affermate.

Clicca qui per un interessante articolo di HBR sul tema disruptive.

Facciamo un passo indietro, semplificando al massimo.

Registro di contabilità decentralizzato: la blockchain Bitcoin

Alla base della tecnologia Bitcoin, il tracciamento dello spostamento della valuta digitale (Bitcoin) da un indirizzo A a un indirizzo B. In particolare il tracciamento di tutti i movimenti di Bitcoin dai mittenti ai destinatari in una sorta di libro mastro digitale: la blockchain.

Due elementi per completarne la definizione:

  1. dove è memorizzato questo registro
  2. quale livello di affidabilità garantisce

La blockchain risiede in molti nodi di Internet, dove i nodi sono gli utenti collegati tra loro da un nuovo modellonon più fornitore-cliente ma peer-to-peer. Il passaggio tra diversi nodi della rete garantisce l'affidabilità in termini di dati, infatti ogni passaggio del libro mastro tra i nodi della rete può verificare la validità dei passaggi precedenti.

Il tutto si basa sulla matematica: quando un utente effettua uno spostamento dall'indirizzo A all'indirizzo B, il sistema è in grado di verificare la validità dell'operazione inserita applicando regole inalterabili, impedendo la possibilità di inserire dati falsi. Molti nodi della rete possono verificare e confermare quanto avviene, fornendo una prova delle transazioni avvenute che durerà per sempre. Le conferme sono infatti memorizzate nella blockchain e possono essere consultate da chiunque.

Macchina virtuale decentralizzata: la blockchain Ethereum

Le macchine virtuali traducono linguaggi di programmazione in linguaggio macchina. Esempio, un programmatore sviluppa un software di e-commerce, scrive un programma in un linguaggio di programmazione per eseguire operazioni come acquisto, vendita, prenotazione e così via. Quel programma è interpretato dalla macchina virtuale e può essere eseguito da un computer.

La blockchain di Ethereum è una macchina virtuale decentralizzata in grado di interpretare un linguaggio di programmazione. Pensiamo all'esempio precedente di Bitcoin: Ethereum non è più solo un movimento di criptovaluta dall'indirizzo A all'indirizzo B, ma è un sistema in grado di eseguire un linguaggio di programmazione sui nodi della rete su cui risiede la blockchain. Accade con la stipula di smart-contract tra utenti e tra i programmi stessi.

Può sembrare un po' contorto se non si è esperti in informatica, ma per semplificare è la tecnologia che consentirà di creare supercomputer distribuiti su scala globale i cui proprietari sono gli utenti.

Le componenti di questi supercomputer globali saranno i nostri personal computer e smartphone. Immaginare cosa possono fare le api o le formiche insieme in natura, aiuta ad avere una visione più chiara delle potenzialità.

Stiamo parlando solo di teoria e ipotesi? La risposta è no, si tratta di progetti attualmente in fase di sviluppo e che stanno già funzionando in ambiente di test; i più importanti in questo momento SONM, Golem e iExec (solo per parlare dell'argomento supercomputer).

Alcuni esempi di applicazione, immaginiamo per i seguenti casi d'uso di avere una potenza di calcolo molto superiore a quella oggi a disposizione:

  • Allineamento della sequenza del DNA
  • Ricerca nuovi farmaci e sistemi di cura delle malattie
  • Ricerca di vita nell'universo
  • E ovviamente: hosting di domini, cloud computing, videogiochi e così via

Da un punto di vista tecnico, le basi della tecnologia P2P peer-to-peer sono state gettate diversi anni fa. La Blockchain ha svolto un ruolo decisivo nel collegare domanda e offerta in termini di economia digitale attraverso le criptovalute (sulle quali nell'approfondire in questa sede andremmo fuori tema). Un piccolo esempio: offri la potenza di calcolo del tuo personal computer per partecipare a un supercomputer globale e sei pagato in tempo reale con una criptovaluta. Questa criptovaluta è un oggetto digitale al quale una determinata comunità riconosce un vero e proprio valore economico e diventa quindi un bene di scambio.

Tornando agli spunti di riflessione di Jack Ma, probabilmente la blockchain avrà molto a che fare con l'Internet of Things e in particolare renderà possibile la negoziazione diretta tra oggetti tecnologici (senza intermediazione umana), lo scambio di beni e la stipula di accordi scolpiti nella pietra. Quindi, perché trasformazione dolorosa? Penso che abbia a che fare con l'uscire completamente dalla nostra zona di comfort: nei prossimi decenni lavoreremo probabilmente meno, ma dovremo sviluppare quelle capacità relazionali, etiche, creative e di mediazione che ci distingueranno dalle macchine.

Il consiglio è di approfondire e studiare il tema il più possibile (avvocati, ingegneri, commercianti, artigiani, medici...) perché arriverà presto il giorno in cui dovremo prendere decisioni importanti per il nostro futuro.

Click here for the English version 

Stampa

2014 Img Internet srl,  via Moretto da Brescia 22 - 20133 Milano tel +39 02 700251 - fax +39 02 7002540
Privacy Policy