CercaEsegui ricerca
Marketing
Come migliorare il posizionamento di un sito su Google

Come migliorare il posizionamento di un sito su Google

31 ottobre 2019
Come migliorare il posizionamento di un sito su Google

Scalare i risultati dei motori di ricerca è una vera e propria sfida per chi desidera farsi conoscere online e aumentare la propria competitività.

Come abbiamo visto, la SEO è un elemento chiave per il successo di un’attività online. Mettere in pratica le tecniche e strategie per migliorare il posizionamento di un sito nei risultati dei motori di ricerca è utile per aumentare la propria visibilità online, ricevere visite di utenti davvero interessati ed incrementare la propria credibilità online.

Le fasi del posizionamento

Il processo di posizionamento di un sito web si compone sostanzialmente di 3 fasi:

Analisi
Ottimizzazione
Controllo

1. Analisi del sito

La fase di analisi è di fondamentale importanza per capire le potenzialità di crescita del nostro sito web, individuare le aree di miglioramento in ottica SEO ed identificare le keyword principali da lavorare sul sito web per battere la concorrenza.  

Strumenti utili per l’Analisi del sito:

  • Google Analytics

Google Analytics è un servizio di monitoraggio di un sito web messo a disposizione da Google. È un vero e proprio cruscotto che mostra le statistiche di accesso al sito mediante grafici e tabelle chiari e semplici da consultare. In ottica SEO, Google Analytics ci consente di recuperare le informazioni riguardanti il traffico organico proveniente da Google. Il primo passo da seguire per iniziare ad usare questo tool è quello di creare un account Google Analytics ed inserire il codice ottenuto sul proprio sito web per verificarne la proprietà ed iniziare a monitorare gli accessi al sito.

  • Google Search Console

Google Search Console è uno strumento messo a disposizione da Google per analizzare e controllare lo stato del proprio sito web nei risultati di ricerca. Con Google Search Console, ad esempio, è possibile scoprire le quali chiavi di ricerca per cui il sito è stato indicizzato su Google e la posizione media di ogni singola keyword. Anche in questo caso, per usufruire degli strumenti SEO messi a disposizione del servizio occorre iscriversi e validarne la proprietà del sito web.

2. Ottimizzazione del sito web

Il lavoro di analisi è propedeutico all’ottimizzazione vera e propria del sito web per migliorare il posizionamento del sito nei risultati organici dei motori di ricerca.

Mediante l’analisi abbiamo individuato le pagine che generano più traffico organico e le keyword principali, adesso non ci rimane che iniziare ad ottimizzare le nostre pagine “lavorando” le keyword individuate.

  • Ottimizzazione dei meta tags

Come abbiamo visto nell’articolo “Come scrivere sul web (per gli utenti e per la SEO)” la corretta compilazione dei meta tags è di fondamentale importanza per ottenere un buon posizionamento e per mostrare i contenuti principali della pagina agli utenti finali. I meta tags infatti sono porzioni di testo che descrivono i contenuti del sito web e ne facilitano la lettura dal parte dei motori di ricerca. Il modo migliore per ottimizzare i meta tags è quello di inserire le keyword principali nel titolo della pagina, nella description e nell’attributo alt delle immagini.

  • Ottimizzazione dei testi

Come diceva Bill Gates “Content is king”: la creazione di contenuti interessanti è il fulcro delle attività SEO. Individuate le Keyword occorre rivedere i contenuti delle pagine per inserire in maniera del tutto naturale le parole chiave principali creando testi pertinenti, utili ed interessanti per i navigatori della rete.

  • Creazione della Sitemap

Per una corretta ottimizzazione di un sito web è buona abitudine creare una sitemap del sito che aiuti i motori di ricerca a capire la struttura del sito e l’organizzazione dei contenuti. La sitemap è infatti una pagina web che elenca la gerarchia delle pagine che compongo il del sito per facilitarne la scansione da parte dei motori di ricerca.

3. Controllo

L’ultima fase è quella del controllo per verificare i risultati ottenuti in termini di posizionamento del sito sui motori di ricerca.

La verifica deve avvenire dopo un po’ di tempo dalla fase di ottimizzazione per dare ai motori di ricerca il tempo necessario a “processare” gli interventi messi in atto.

Dopo aver valutato il periodo temporale sul quale effettuare il monitoraggio, si analizzano i risultati ottenuti andando a controllare la posizione media delle keyword trattare rispetto alla situazione iniziale e l’incremento del traffico organico nelle pagine che abbiamo modificato.

Analizzati i risultati ottenuti possiamo definire un nuovo processo di ottimizzazione per consolidare e migliorare ulteriormente il nostro posizionamento.

Stampa

2014 Img Internet srl,  via Moretto da Brescia 22 - 20133 Milano tel +39 02 700251 - fax +39 02 7002540
Privacy e Cookie Policy